Don Mario Campidori
“NON È POSSIBILE VIVERE A LUNGO UNA VITA SENZA SIGNIFICATI, IDEALI, PROSPETTIVE, SPERANZE, FUTURO, NELL’INAZIONE CHE DIVENTA DISPERAZIONE. E’ NECESSARIO TRASFIGURARE LA NOSTRA VITA GRIGIA, MONOTONA, LOGORANTE DI OGNI GIORNO E LEGARLA AD UN IDEALE”
Don Mario Campidori
“NON È POSSIBILE VIVERE A LUNGO UNA VITA SENZA SIGNIFICATI, IDEALI, PROSPETTIVE, SPERANZE, FUTURO, NELL’INAZIONE CHE DIVENTA DISPERAZIONE. E’ NECESSARIO TRASFIGURARE LA NOSTRA VITA GRIGIA, MONOTONA, LOGORANTE DI OGNI GIORNO E LEGARLA AD UN IDEALE”
Don Mario Campidori
“NON È POSSIBILE VIVERE A LUNGO UNA VITA SENZA SIGNIFICATI, IDEALI, PROSPETTIVE, SPERANZE, FUTURO, NELL’INAZIONE CHE DIVENTA DISPERAZIONE. E’ NECESSARIO TRASFIGURARE LA NOSTRA VITA GRIGIA, MONOTONA, LOGORANTE DI OGNI GIORNO E LEGARLA AD UN IDEALE”
Previous
Next

La Fondazione don Mario Campidori – Simpatia e Amicizia onlus

E’ stata costituita nel 1998 per dare continuità alle attività della Cooperativa sociale Simpatia e Amicizia (1979-2004) e una forma giuridica più aderente alle idee del fondatore.

GLI SCOPI CHE LA FONDAZIONE PERSEGUE ATTRAVERSO LE SUE ATTIVITA’ SONO.

PROMOZIONE SOCIALE
Sul piano umano, familiare, ricreativo, culturale e religioso
DIGNITA'
INTEGRAZIONE E INCLUSIONE
Creando occasioni di incontro
CONDIVISIONE
LIBERTA' DALLE BARRIERE
Psicologiche e architettoniche
SENZA BARRIERE

LE OPERE

Il Villaggio senza barriere Pastor Angelicus

Il primo luogo di azione della Fondazione, inaugurato nel 1984, è il Villaggio Senza Barriere Pastor Angelicus, sito sull’Appennino bolognese dove famiglie, persone con disabilità, giovani e volontari possono trascorrere un periodo di vacanza e tempo libero valorizzando la diversità di età, esperienze e condizioni di vita che caratterizza l’intera famiglia umana.

La Famiglia della Gioia

Dall’esperienza di quotidianità sperimentata al Villaggio e durante i laboratori settimanali a Bologna, nel 2018 è stata inaugurata una nuova struttura dove ha luogo il progetto “Famiglia della Gioia”. Una casa senza barriere situata nel Parco di Villa Revedin, a Bologna, dove ampliare i laboratori ricreativi e formativi, promuovere percorsi con le scuole dell’infanzia e primarie e realizzare weekend di condivisione tra persone con disabilità, giovani, volontari e famiglie.

I PROGETTI

I laboratori della Gioia

Per rispondere alle esigenze e al desiderio di socializzazione e di continuità relazionale di tante persone con disabilità conosciute attraverso il Villaggio e la collaborazione con assistenti sociali, associazioni, insegnanti ed educatori, la Fondazione promuove dal 2006 nel centro di Bologna dei laboratori ricreativo-formativi pomeridiani

Le Pappe di Pippo

Una scuola di cucina e pasta fresca dove persone con disabilità, giovani e volontari possono riscoprire la tradizione della nostra terra, nuove abilità e passioni. Ha l’obiettivo di creare relazioni di amicizia e ambienti inclusivi valorizzando le abilità di ciascuno.

Il Chicco di Grano

Propone percorsi per le classi di prima infanzia, elementari e medie basati sul contatto con la natura e l’attività di cucina. Ha l’obiettivo di far conoscere il mondo della disabilità attraverso un’esperienza di gioco insieme, per trasmettere la ricchezza della diversità, promuovere, l’inclusione e far sperimentare il concetto di cura, cambiamento e continuità. La mediazione della cucina e della natura permettono di facilitare esperienze di gioco e attività multisensoriali.